Il giro di vite all’Ars arriva, ma…

Mentre i deputati  difendono i privilegi e salvano gran parte degli stipendi, i questori non transigono sulle norme di accesso al palazzo. “Assurdo, uno dei censori è l’indagato Rinaldi” Il giro di vite all’Ars arriva, ma è sull’abbigliamento. M5S. “Questo palazzo è una bella scatola vuota”

Alla fine il giro di vite a palazzo dei Normanni è arrivato. Ma non, come tutti si aspettavano, su stipendi e privilegi, appena intaccati, ma sull’abbigliamento, su cui, evidentemente, nessuno è disposto a fare sconti nel supremo interesse “del decoro della sede parlamentare”.  Tolleranza zero, pertanto, per chi  non porta giacca e cravatta nei giorni d’Aula e percorsi obbligati con tanto di corridoi e sale inibite  per ospiti, visitatori e giornalisti. Ad ordinare (o meglio a ribadire) marcature strettissime d’ora in avanti a palazzo reale è una circolare a firma dei deputati questori

“E’ giusto– affermano i deputati del Movimento 5 Stelle – che  si guardi al decoro del Palazzo. Sarebbe auspicabile, però, che assieme alla forma si guardasse un tantino anche alla sostanza, che in questo palazzo latita spessissimo. Una sforbiciata secca ai privilegi, a nostro avviso, avrebbe dato all’Ars infinitamente più lustro di tutti i lustrini e le paillettes di questo mondo. Questo palazzo è sempre più una scatola dorata, ma vuota. Le sedute a vuoto o improduttive non si contano, i banchi vuoti nemmeno. Si produce poco o nulla. Ma l’importante è che quel poco o nulla lo si faccia circondati da gente in giacca e cravatta”.

“La cosa ancora più assurda – continuano i deputati – è che la circolare porti la firma anche di Rinaldi, ovvero di un fresco indagato nell’ambito dell’inchiesta sulla Formazione a Messina, cosa che lo aveva spinto sull’orlo delle dimissioni dall’incarico di questore, richieste all’indomani dello scandalo anche dal suo partito, ma mai formalizzate. Evidentemente anche all’Ars le pagliuzze altrui sono nettamente più visibili delle proprie travi”.


Leave A Reply