E’ online il programma del Movimento Cinque Stelle Sicilia

Il programma del Movimento Cinque Stelle Sicilia è online da oggi sul sito www.sicilia5stelle.it nella sezione “Regionali 2012” e sarà presentato in conferenza stampa a Palermo il 24 settembre.
I punti del programma sono stati redatti dagli attivisti che hanno discusso e poi votato sulla piattaforma Liquid Feedback, un software open-source che funge da parlamento virtuale.
Il programma è diviso in macroaree che contengono al loro interno dei sottopunti: i temi passano dall’ambiente alla legalità, dallo sviluppo ai cittadini, non dimenticando la cultura.
I punti di assoluta innovazione riguardano gli istituti di partecipazione democratica del cittadino che forniscono gli strumenti per l’attuazione del controllo verso gli eletti e la pubblica amministrazione che il Movimento Cinque Stelle propone, di snellimento della burocrazia per incentivare l’imprenditoria privata e la concorrenza puntando su turismo e agricoltura.
Molti sono i punti dedicati a quelli che sono ormai i temi “storici” del Movimento Cinque Stelle: l’ambiente che promuove la strategia “rifiuti zero” e la gestione pubblica dell’acqua, la produzione di energia mediante l’uso delle fonti rinnovabili, il ripristino della rete dei trasporti puntando alla riduzione di quello automobilistico verso quello su rotaia e promuovendo quello ciclabile, software open-source nella pubblica amministrazione ed eliminazione del digital divide (il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell’informazione – in particolare personal computer e Internet – e chi ne è escluso, in modo parziale o totale).
Una particolare attenzione è poi stata dedicata ai temi scottanti come la sanità e l’istruzione, soffermandosi su alcune classi di lavoratori come il corpo della forestale e i lavoratori nel campo della formazione professionale.
Esprime soddisfazione per il risultato ottenuto il portavoce candidato alla Presidenza della Regione siciliana Giancarlo Cancelleri: «È un programma frutto del lavoro dei cittadini, che hanno espresso le proprie proposte in relazione alle proprie competenze, dando cosi vita ad un manifesto articolato e semplice, non carente di concretezza».

ps Ricordiamo che il programma è in continua evoluzione e revisione, quindi rimarrà aperto alle proposte che verranno avanzate e votate dai cittadini su Liquid Feedback.


14 commenti

  1. Pingback: Elezioni in Sicilia. L’esempio di politica senza soldi pubblici « Rovato 5 stelle

  2. Claudia La Rocca on

    Ricordiamo che lo stesso rimarrà aperto alle proposte che verranno avanzate e votate dai cittadini su liquid feedback.

  3. Sono un precario di un comune della sicilia volevo sapere come la risolvete la questione precariato in sicilia?
    dopo 23 anni

  4. Giuseppe Pitruzzella on

    Bisognerebbe che il movimento si ponesse come obbiettivo la piena attuazione dello Statuto di Autonomia al fine di garantire le risorse necessarie per attuare gli interventi necessari. In tema di trasporti è necessario intervenire non solo sul trasporto ferroviario, ma anche su quello marittimo e sul completamento del sistema autostradale siciliano. Per i carburanti si dovrebbero defiscalizzarli, anche in considerazioni che i costi ambientali sono a carico della popolazione siciliana (Gela, Priolo Gargallo, etc etc), si dovrebbe cercare di incentivare il biodiesel da sostanze marine, cercare di intervenire sugli edifici pubblici con interventi sull’efficienza energetica, pensare ai rifiuti come a risorse e non come un problema attuando una politica del riciclo, attuare interventi per far ripartire il settore agricolo, ridurre la burocrazia. f.to ing. Giuseppe Pitruzzella

  5. Molte risposte alle vostre domande le troverete nel nostro/vostro programma, leggetelo. Le vostre idee sono per noi la cosa piu’ bella. Noi siamo Voi, cittadini di questa Terra. Aiutateci ad aiutarvi.

  6. molto interessante, ma non vi sembra che questa forma di partecipazione sia decisamente poco democratica, è riservata a chi usa il computer, anche bene, non sono tutti, anzi , nella mia strada sono pochissime persone, e, se non ve ne siete accorti, per indicare la possibilità di continuare a leggere un articolo avete scritto read more, quindi il poveretto che a stento conosce l’italiano dovrebbe anche comprendere l’inglese. cos’è una nuova forma di oligarchia che si pasce di facebook?

  7. I problemi in sicilia sono tantissimi e nessuno f in oa d adesso
    Se ne é interessato. Se ancora qualcuno. Non. Sa usare il pc è sicuramente un problema da risolvere (alle scuole medie) ma i problemi in discussione sono altrettanto importanti. E secondo me risolverne un paio alla volta sarebbe un grande traguardo perlomeno meglio di sentire ancora chiacchiere dopo 160 anni.
    PS
    Io scrivo da Paternò()CT e la situazione qui in questo momento è di degrado assoluto in ogni settore sia pubblico che privato. Per imomento quelle del M5S sono solo chiacchiere come quelle sentite fino ad oggi da tutti gli altri politici siciliani e non. L unica differenza é che il M5S ancora non ha avuto modo di provare a fare quello che ha detto e io mi sento di dargli una possibilità sperando nel meglio e sperando. Che ci siano ancora siciliani e italiani che vogliono il meglio per la loro società. E civiltà

  8. ho letto uno stralcio del vostro programma sul blog dei forestali
    http://forestaliantincendiosicilia.blogspot.it/2012/09/programma-elettorale-del-m5s.html#comment-form
    quanto segue è il mio umile pensiero……………..
    —1)al punto 11 A – del programma elettorale è scritto “concedere a cooperative etc etc,” un punteggio superiore con operai assunti dalla lista e dunque cancellarsi dalla graduatoria.
    2)al punto 11 D – del programma elettorale è scritto “La costituzione di un “Ente Foreste Regione Siciliana” ….

    QUINDI LO AVETE LETTO BENE QUESTO PROGRAMMA ELETTORALE???
    si evince benissimo che anche il Movimento 5 stelle non ha intenzione di stabilizzare nessuno dei forestali anzi favorire la fuoriuscita dalle liste, perchè secondo il movimento 5 stelle si può sbarcare il lunario vendendo sughero e olive, Voi operai forestali che conoscete bene I demani forestali pensate che questa soluzione possa essere applicata a tutti gli operai 28 mila, oppure al massimo a qualche 2 o 3 operai.
    Poi al punto 2 è scritto la costituzione di un Ente Foreste regione siciliana, faccio presente che questo potrebbe essere un altro ente mangiasoldi, dove privati e amici di amici con assunzioni libere e quindi non vincolate assumono chi gli pare e piace, e secondo voi questo ente dovrebbe sostenersi con i ricavati di aree attrezzate, ma fatemi ridere, semmai questo ente oltre che amici e compari assunti mettendo le mani sul patrimonio boschivo, non farà altro che tagliare e vendere legname.
    A questo punto non è meglio potenziare quello che c’è già esistente?
    Vi ricordo che l’azianda foreste, ha un bilancio tutto suo, già nelle sue funzioni vende la legname, da in affitto a pascolo i demani forestali et cetc, insomma ha già di suo come potenzialità bisognerebbe solo darle gli incentivi e lo sprono giusto.
    Eppoi guardate bene il programma elettorale, non fa menzione degli LSU e dei precari (io non riesco a trovare quello completo) quindi tutti i precari saranno stabilizzati, solo per i forestali si prevede la fuoriuscita a vendere sughero e olive.
    Analizziamo adesso punto per punto
    1) al punto 1 già c’è una montagna di vincoli fra paesaggistico e non quindi cos’altro dobbiamo vincolare
    2) il personale per il controllo del territorio già c’è basta potenziarlo.. Corpo Forestale
    3) Riforestazione, già l’azienda foreste lo fa a meno che si voglia intervenire su tutti i terreni in stato di abbandono ed allora si dovrebbe prevedere non solo la stabilizzazione di tutti gli operai ma nuove assunzioni.
    4) coste siciliane la competenza è della Guardia costiera e del demanio marittimo
    5)quindi che facciamo non si costruisce più??
    6) il punto 6 già lo fanno per quanto riguarda l’individuazione di altri beni archeologici oramai di importante da scoprire ritengo sia rimasto poco, forse l’unica importante scoperta archeologica è trovare l’ubicazione del teatro greco di agrigento.
    7) la creazione del parco marino significa non pescare più con reti ma solo pesca sportiva ed autorizzata
    8) QUA NON COMMENTO MA LASCIO A WIKIPEDIA Il Mobile User Objective System (MUOS) è un sistema di comunicazioni satellitari (SATCOM) ad altissima frequenza (UHF) e a banda stretta composto da quattro satelliti e quattro stazioni di terra, una delle quali è in fase di realizzazione in Sicilia, nei pressi di Niscemi[1]. Il programma MUOS, gestito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, è ancora nella sua fase di sviluppo e si prevede la messa in orbita dei quattro satelliti tra il 2010 ed il 2013. Il sistema MUOS integrerà forze navali, aeree e terrestri in movimento in qualsiasi parte del mondo ed ha l’obiettivo di rimpiazzare l’attuale sistema satellitare UFO.

    L’installazione nell’area di Niscemi (Caltanissetta) è stata oggetto di proteste della popolazione e dei rappresentanti locali.
    9)Obbligo dell’isolamento sismico – CERTO qua essendo cancellieri geometra pensa che la gente ha soldi che gli avanzano, quest’isolamento si può attuare facilmente nei fabbricati di nuova costruzione, ma nei vecchi centri o nei vecchi fabbricati non credo che si possa attuare
    10) al punto 5 non si costruisce e qui si costruisce mha!!
    11) ne abbiamo discusso all’inizio comunque per completare il Punto B, C, lo fa già l’Azienda foreste demaniali altrimenti con che cosa secondo voi sta pagando gli operai forestali??
    al punto E il software Gis per pianificare è operativo già dal 2004.
    il punto F estentere le competenze del comparto antincendio, perchè non lo fanno già adesso?
    il punto G il telecontrollo è una delle gare d’appalto in itinere del corpo forestale
    il punto I snellendo il comparto forestale è normale perchè al punto D già non c’è più il demanio forestale, è in mano ai privati, il Punto L è da un bel pezzo che è attivo basta andare su https://sif.regione.sicilia.it/portale/ in basso a sinistra webgis fra le tante ozioni si possono attivare la visione degli incendi su carta geografica dal 2007 al 2012 compresi gli ultimi incendi verificati. il punto M è di difficile applicazione se l’incendio parte da terreni privati e si espande nel demanio forestale, quindi qui gli operai forestali ma rimarranno senza incentivi.
    12)Monitoraggio Gas Randon è già obbligatorio in relazione al decreto legislativo 241/00

    QUINDI IN SINTESI QUESTI SIGNORI 5 STELLE non solo non stabilizzano gli operai forestali, si vendono pure i boschi, ed il 99% del loro programma è attuale e già realizzato o in itinere.
    anche se non riescono a superare lo sbarramento possono vantarsi di aver realizzato il loro programma.
    Prima di leggere il programma elettorale del movimento 5 stelle ero deciso ad andare a votare per dare un calcio virtuale ai 90 uscenti, adesso sinceramente già mi sono preschifato pure di questi quindi per mio conto non ci vado proprio alle urne.
    Altra considerazione che non vogliono stabilizzare gli operai forestali e vendersi i demani già è in atto dai 90 onorevoli uscenti, quindi a questo punto non si comprende dove vogliano andare a parare tutti questi Signori onorevoli attuali e futuri.

  9. richiamando quello che ha detto matteo da Paternò CT, questa è l’occasione, forse l’unica o la più importante, per dare una possibilità tramite il Movimento5S una svolta sociale alla nostra Sicilia tramite, non nuovi pensieri, ma con una rinnovata coscienza. I problemi sono tanti, ma con la correttezza e la fiducia si può cambiare.
    Stiamo soffrendo, vedo famiglie disperate dove chi lavorava adesso e cassaintegrato, in mobilità o addirittura licenziato all’età di 50anni. Ci vogliono strutture ricettive, sviluppi nel turismo, nell’agricoltura nella creazione di fonti di energia anche con l’utilizzo di gassificatori a impatto zero tramite l’uso della “monnezza”. Ci sono stati troppi sprechi e troppa corruzione. Adesso siamo alla svolta o si affonda o ci si salva, a noi elettori la scelta.
    gaetano da Modica (RG)

  10. Dovete necessariamente attuare una forte politica di spending review. Abbassare i costi della politica regionale è un dovere fondamentale di chi governa nei confronti dei cittadini in gravi difficolta in un momento di profonda crisi come quello che stiamo vivendo attualmente.

  11. Facciamo qualcosa per i carburanti (sembra assurdo che con le raffinerie che ci ammazzano da decenni si debba pagare questi prezzi), l’energia pulita e turismo, vero di qualità e soprattutto che sappia valorizzare quello che abbiamo…..

Leave A Reply