Residenti e negozianti in via Emerico Amari intrappolati dal Tranello ferroviario

Circa 1200 firme presentate anche al consiglio comunale, chiesti sgravi dei tributi comunali per le attività che operano all’interno delle zone interessate.

Tornano all’attacco gli attivisti Cinquestelle dell’VIII circoscrizione di Palermo, il deputato regionale del M5s Giampiero Trizzino e l’associazione Amari Cantieri che dopo aver consegnato al Comune di Palermo, poco prima di Natale, circa 1200 firme, adesso coinvolgono anche il consiglio comunale. La petizione intende salvare le imprese dalle transenne del cantiere in zona via Emerico Amari, stremate da un calo verticale degli incassi, polvere, furti, rumori e dal disagio di vivere in trincea.

Attraverso la petizione si chiede la concessione di sgravi, esenzioni e rimborsi dei tributi comunali, nonché l’assegnazione di contributi a sostegno delle micro e piccole imprese commerciali, artigiane, turismo e servizi.

“Negozianti e cittadini – affermano i promotori dell’iniziativa – sono ostaggio di quello che ormai viene comunemente definito ‘tranello ferroviario’; basti pensare che da allora diversi esercizi hanno chiuso battenti. Non si può perdere altro tempo, bisogna intervenire subito”. 


Leave A Reply