Buoni libro 2011-2012, stanziate le somme. Zafarana: “Era ora che si pensasse alle famiglie”

La notizia comunicata dalla ragioneria generale della Regione alla deputata Valentina Zafarana del Movimento 5 Stelle, che aveva presentato una interrogazione in merito.

Arriva dalla Regione la notizia che sono stati reperiti e stanziati in bilancio i fondi per assicurare la fornitura gratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2011-12. Le somme per acquistare i testi, infatti, erano state anticipate dalle famiglie, che ora, pertanto, vedono avvicinarsi i rimborsi.

“Così – afferma la deputata del M5S Velentina Zafaranaci è stato assicurato dalla Ragioneria generale della Regione. Si dà finalmente la risposta che le famiglie siciliane attendono da troppo tempo per il soddisfacimento di un diritto che sta alla base della crescita culturale e sociale degli studenti siciliani. Ora dobbiamo lottare perché vengano trovate le somme per l’anno successivo entro la conclusione dell’esercizio finanziario in corso”.

Per assicurare la fornitura dei buoni libro relativi all’anno 2011-12 e per la stampa delle cedole librarie la deputata Zafarana aveva presentato una interrogazione al Presidente della Regione e agli assessori all’Economia e alla Formazione professionale per sapere se erano a conoscenza del fatto che all’appello mancavano quasi 64 mila euro rispetto all’effettivo fabbisogno per coprire il costo di libri e per le cedole per gli studenti certificati dai nove uffici scolastici regionali.


3 commenti

  1. Francesco de Francesco on

    Bene!
    In realtà il rimborso serve a finanziare gli editori corrotti del sistema. Un alunno di scuole medie deve trovare più di 650 euro per compare libri che potrebbero e dovrebbero costare un decimo del prezzo applicato. In più, e non è poco, c’è da dire che i libri non sono gratis, come si potrebbe mal dedurre, il rimborso si aggira intorno al 10%.
    Se non è così ditelo, e saprei che una libreria di Messina mi sta truffando! fdf

Leave A Reply