Ddl all’Ars: “Vaccini solo per scelta consapevole”. Ferreri: “Si evitano rischi inutili e si risparmia”

Il progetto di legge del Movimento Cinque Stelle. Numerosi studi mettono in correlazione le inoculazioni obbligatorie per le età evolutiva con gravi malattie. Somministrazioni attualmente imposte solo in due paesi europei oltre all’Italia.

Stop ai vaccini obbligatori per l’età evolutiva. Lo prevede un disegno di legge presentato all’Ars dal Movimento Cinque Stelle. L’atto parlamentare mira ad ottenere inoculazioni consapevoli ed informate effettuate solo su richiesta.

La scomparsa di malattie, quali il vaiolo, la poliomielite, la difterite e altre malattie infettive e l’alto livello di copertura raggiunto nella Regione – afferma Vanessa Ferreri, prima firmataria del ddl – permette oggi di pensare in ad una somministrazione diversa dei vaccini, cosa che farebbe risparmiare la Regione e, soprattutto, eviterebbe ai cittadini di correre inutili rischi, visto che importanti studi ravvisano un collegamento tra la somministrazione di vaccini in età neonatale e gravi malattie, quali patologie autoimmuni, allergie e morti improvvise in culla”.

Lo stop all’obbligatorietà permetterebbe anche un risparmio notevole per le casse dello Stato, visto che le vaccinazioni informate sarebbero molto meno di quelle attuali e perché attualmente i vaccini disponibili in commercio sono quasi esclusivamente, di tipo esavalente, cioè per la copertura contro sei patologie a fronte delle quattro per le quali oggi è prevista la vaccinazione obbligatoria (difterite, tetano, poliomielite, epatite virale di tipo B)

La vaccinazione – sostiene Vanessa Ferreri – dovrebbe essere effettuata con una scelta consapevole, col consenso dei genitori ampiamente informati sui tipi di vaccini da inoculare ai propri figli, sulla composizione molecolare e sulle percentuali di rischio connesse”.

Lo stop alla vaccinazione obbligatoria avvicinerebbe la Sicilia a gran parte degli stati europei dove l’inoculazione dei vaccini viene effettuata solo su base volontaria.

Solo in Francia e Belgio – dice Ferreri – attualmente ne è prevista l’obbligatorietà”.

All’indomani dell’eventuale entrata in vigore della legge il progetto prevede l’istituzione di un comitato tecnico scientifico che elabori periodicamente un documento di monitoraggio sull’andamento delle vaccinazioni in Sicilia al fine di garantire la tutela della salute pubblica”.


7 commenti

  1. Un grande passo avanti è stato per la nostra regione.
    Ma da referente del comilva Sicilia, volevo visionare gli atti di questo DDL presentato dalla Ferreri, per vedere chi ha stilato la relazione tecnica. Ho parlato con la mia associazione ma mi è stato detto con non sono a conoscenza di tutto ciò.
    Cordiali saluti
    Claudio Giannone

  2. Maria Giovanna Treglia on

    Complimenti, una battaglia civile che ci rende “avanguardia”. Il COMILVA è l’associazione da contattare perchè da anni si batte contro l’obbigatorietà della vaccinazione. E’ una associazione di genitori di bambini che hanno avuto danni da vaccino e che ha fatto durissime battaglie contro il mercurio nei vaccini.
    Grazie per il vostro lavoro.
    Cordiali saluti
    Giovanna Treglia

  3. Ferreri la sua proposta di legge è da criminali ed ignoranti, eliminare le vaccinazioni in Sicilia, terra d’immigrazione, penso sia la cosa più disumana e folle che si potesse fare. Il rischio dei vaccini c’è, nessuno lo mette in dubbio, ma è così minimo per non dire quasi inesistente da tutelare la salute pubblica, forse l’onorevole Ferreri come tutti noi non ha vissuto i periodi delle epidemie, estinte grazie alle vaccinazioni. In Inghilterra, per evitare il vaccino del morbillo che in una microscopica percentuale causa l’autismo, è invasa da epidemie di morbillo, che ha sequele forse peggiori dell’autismo stesso. Studi prima di sparare certe proposte di legge folli.

  4. Numerosi studi? Veramente ce n’è uno solo che è stato ritirato dalla rivista su cui è uscito perchè s’era poi dimostrato falso,

  5. Ho preso il morbillo l’anno scorso: ero incinta, sono stata malissimo, mi hanno ricoverata in ospedale disidratata, ho avuto un sacco di problemi a carico delle vie respiratorie ed otiti ricorrenti che da allora non mi abbandonano più.
    E’ una proposta criminale! Non esiste obbligo per le vaccinazioni, sono consigliate! E sono necessarie! E sono una grande conquista della medicina! Purtroppo la tendenza attuale a non vaccinare i bambini ha riportato epidemie di morbillo, ad esempio. I vaccini sono vittima del loro successo. Le epidemie delle malattie esantematiche sono pericolosissime e provocano raramente danni irreversibili e a volte anche la morte.
    Grazie alle scelte irresponsabili di chi segue la moda ridicola di non vaccinare i propri figli sono tornati focolai di morbillo che mettono a rischio le fasce di popolazione più deboli, come i bimbi che non possono vaccinarsi o le persone ultra quarantenni che non hanno effettuato le vaccinazioni perché non erano prescritte, come nel mio caso.

  6. Giovanni Cocco on

    Ma questa parlamentare della Regione Sicilia ha studiato i numerosi studi clinici sui vaccini raccolti nello stesso volume delle scie chimiche?

  7. Il morbillo non è una vaccinazione obbligatoria, bensì facoltativa. Qui si parla di vaccinazioni obbligatorie: poliomielite, ad esempio ( e ricordo che l’Europa è stata dichiarata Polio Free da anni).
    Poi, non si parla di abolire le vaccinazioni.
    Prima di urlare subito da bravi italiani medi “ignorante”, leggete bene. Forse gli ignoranti siete proprio voi.

Leave A Reply