Il microcredito è legge, esulta ll Movimento 5 Stelle

Il fondo destinato alle microimprese potrà contare su un milione e mezzo di euro, cui va aggiunto un ulteriore milione messo a disposizione dai deputati stellati

Il microcredito è legge. E’ stato approvato l’emendamento alla legge di stabilità, presentato dai deputati  del Movimento 5 Stelle che istituisce un fondo destinato a finanziare le microimprese.

Uno dei principali cavalli di battaglia del Movimento ha tagliato finalmente il traguardo.

Anche se – afferma soddisfatto il portavoce Salvatore Siragusaper noi è un punto di partenza e non d’arrivo. Abbiamo in cantiere altri progetti che mirano a dare un calcio alla crisi e respiro alle aziende”.

Il fondo avrà una dotazione di partenza non indifferente:  un milione e mezzo di euro per il 2013, cui va aggiunta la somma  versata volontariamente ogni mese dai deputati 5 Stelle, che a fine anno dovrebbe ammontare a circa un milione di euro.

La filosofia  che ha ispirato la nostra Finanziaria  – spiega il  portavoce Francesco Cappelloè stata animata da una doppia azione, che da un lato mirava a reperire le risorse, vedi gli emendamenti sulle cave, le acque  e sulle royalties petrolifere, e dall’altro a trovare gli strumenti per aiutare le imprese. Il microcredito è uno di questi. Speriamo che altre forze politiche trovino il modo di contribuire a farlo crescere, visto che fino ad oggi nessuno ha mandato il benché minimo segno in tal senso”.

La palla passa ora al governo, che dovrà emanare il decreto attuativo che consentirà alle imprese di usufruire dei prestiti.

Gli importi finanziabili, comunque, non potranno superare i 20.000 euro.


41 commenti

  1. nonostante non sia siciliano e non viva in questa bellissima regione ragazzi grazie, che la sicilia sia di sprono alla nazione intera.

    • Solo la Sicilia, il fondo è stato creato con i versamenti della parte di stipendi non trattenuti (circa il 70%) dai deputati del M5S all’Assemblea Regionale Siciliana.

  2. Enrico Mirabella on

    La notizia per ora è che si tratta di un emendamento. Seguirà un decreto attuativo. Speriamo che sarà redatto da funzionari competenti e non sia criptico e incomprensibile come la maggir parte dei decreti attuativi della Regione siciliana.

  3. buzzola marcello on

    Per cortesia…ho una ditta individuale…in zona teerremotata emilia….mi potete aggiornare meglio su : se e come e a chi rivolgermi per questo microcredito I’ll prima possibile ? Grazie .

    • Questo fondo riguarda solo la Sicilia, è stato creato con i versamenti della parte di stipendi non trattenuti (circa il 70%) dai deputati del M5S all’Assemblea Regionale Siciliana.

  4. Piero Vasile on

    Per accedere al microcredito bisognerà chiederlo alle banche, credo chr in Sicilia sia la Unicredit.
    La banca presterà una bazzecola e ci guadagnerà con gli interessi.
    Ora, per avere facile accesso al credito, le imprese si affidano ai Confidi, i quali faranno da tramite e garanti.
    Ergo, se non sei iscritto ad un Confidi, sei obbligato a farlo.
    Ergo, i Confidi e le banche diranno un bel “grazie” a Crocetta e a Cancelleri.
    Ergo, CLIENTELISMO!!!!
    Ma come si fa a pensare che quello che serve in un periodo di crisi come questo, sia UN PRESTITO????
    Un prestito da restituire con gli interessi.
    Il che significa che poi, i soldi, li devi avere.
    Altrimenti la banca che fa?
    Sta a guardare e ad aspettare?
    La soluzione per la crisi, secondo le menti eccelse grilline è INDEBITARE ancora di più i piccoli imprenditori…
    Complimenti!
    Ma questi soldi, non potevano essere semplicemente elargiti?
    E non sarebbero potuti servire per ristrutturare scuole o ospedali.
    O ancora per finanziare gli insegnanti di sostegno?
    NO!
    Meglio crearsi una rete di clientelismo.
    Ma poi, se i soldi vengono solo prestati, a chi verranno restituiti?
    In parole povere, di chi sono sti soldi?

    • ergo non va mai bene niente, neanche avere qualcuno che dei soldi riesce a farli pervenire senza dover passare da ipotecarsi tutto oppure non riuscire proprio a ottenerli.
      bella mentalità quella di saper solo polemizzare. tu cosa hai fatto ergo, cosa di utile rispetto a quello che piano e con fatica hanno fatto loro?
      tutti scienziati, ergo, buoni a gonfiare la bocca di sapienza inutile.

    • Vedo che hai dei problemi sociali ed evidentemente non hai bisogno di soldi.
      I Grillini hanno messo a disposizione soldi che provengono dai loro stipendi, tu cosa fai? …ti lamenti?
      Sicuramente sei uno di quelli che hanno dato il voto al PD o al PdL che è la stessa cosa. VERGOGNA!!!

  5. Pingback: Fondo per il Micro Credito PMI : ecco il testo | il Blog di Serafino La Corte

  6. Certo che alcuni commenti fanno proprio cadere le braccia, verrebbe da dire che non ci si merita niente. Ma come si può pretendere che i soldi vengano regalati a pioggia, scusate? A chi tornano? Tornano al fondo che te li ha dati, ma che domande! Un imprenditore che pretende soldi in regalo per salvarsi non sta facendo impresa!! Sta cercando di restare a galla per un altro mese, ma poi è allo stesso punto di prima!! Non si è nemmeno detto a che tassi e condizioni si avrebbero questi soldi, e già la si considera una fregatura? Ok allora torna a chiedergli alle banche, che ultimamente li danno a tutti i soldi, si… E non li vogliono nemmeno indietro guarda. Ma cose da pazzi… Lamentarsi, criticare, anche quando arriva qualcosa che gli altri non hanno nemmeno mai provato a fare… Che gente, dai, fareste passare la voglia pure a un santo.

  7. Rispondo ai soliti commenti di chi non è mai contento: il credito va direttamente all’impresa, cifre medio piccole (10-20 mila euro) e si restituiscono con un interesse ragionevole (sarà 2% 3%) . Il prestito serve per creare lavoro, far girare l’economia, non è un regalo a chi non ha voglia di lavorare ma un aiuto a chi è in difficoltà perchè magari il cliente non ha ancora pagato ma sono arrivate le tasse. Il fondo poi potrebbe addirittura rigenerarsi grazie agli interessi pagati.
    Sfido qualsiasi banca a fare lo stesso.
    Questo è come l’ho capita io, Invito chi commenta ad esser costruttivo e proporre miglioramenti senza pregiudizi

  8. Piero Vasile on

    La banca UNICREDIT ha già deciso quante aziende usufruiranno del PRESTITO.
    Sono 279 su migliaia di domande presenate.
    279…
    Unicredit…
    Cittadini 5 stelle, ma com’è che date addosso alle banche e poi affidate a loro il destino delle aziende in difficoltà?
    Ma non pensate che le banche scieglieranno solo quelli che i soldi potranno restituirli e cioè quelli con meno difficoltà…?

    • hieronymus on

      scusami piero, ancora devono fare i decreti attuativi, stabilire i criteri e affidare l’incarico alla banca (che dovrebbe essere unicredit perché ha già il servizio di cassa regionale): mi spieghi come fai a sapere che saranno finanziate solo 279 domande? in realtà saranno molte meno (125) se ogni richiesta approvata è dell’importo massimo (20ml euro).

      l’importante è che la regione stabilisca i giusti criteri a monte, così da eliminare qualsiasi possibilità di clientelismo; la banca poi dovrà adempiere secondo il mandato ricevuto. il movimento – così come ha ottenuto questa splendida vittoria – vigilerà che non vi siano trucchetti.

      ciao

  9. io sono del parere che se effettivamente si vogliono reinserire questi soldi e non creare problemi di prestiti in garanzia di qualcosa possono andare a favore dlle scuole e dreare piccole imprese ,calzolai panettieri ,sartorie,ecc…per inserire il denaro anche nel lavoro senno si creera ulteriori problemi ad imprese della zona che gia non riescono a pagare quello che anno e incentivare le banche a dare prestiti sempre su garanzia che nessuno ti da niente per niente,questa è la realtà

  10. Ragazzi ma stiamo dando i numeri per caso??? 2 milioni e mezzo cosa cavolo dovrebbero risolvere? Sono come dare 20 centesimi a uno di noi.. non si può parlare nemmeno di briciole.. ma ci rendiamo conto che 2 milioni di euro sono una cosa ridicola e anche una forma di presa in giro????

  11. una bella iniziativa x aiutare le piccole imprese.
    Ma a che serve se una clausola del progetto dice che non possono usufruire del fondo le” Aziende in difficoltà”.
    Danno soldi a chi già li ha………………………
    Questo fondo leggete bene, non da liquidità alle Aziende, ma finanzia i loro investimenti……….
    Peccato, pensavo che il MVM 5 stelle aiutasse le aziende in difficoltà, agli imprenditori protestati, alle aziende in crisi…
    OGGI LE AZIENDE CHIEDONO AIUTO …… HANNO BISOGNO DI LIQUIDITA’

  12. gino degaetani on

    sono leccese, qui in puglia non c’e’ questo tipo d’aiuto. mi complimento con i ragazzi del m5s siciliani che, 1° caso al mondo, hanno mamtenuto la promessa di rinunciare VOLONTARIAMENTE al 75% del loro stipendio/indennita’ (ergo sig. piero, ma cosa vuoi dalla vita?). ASPETTIAMO IL BUON ESEMPIO DEGLI ALTRI UOMINI POLITICI.

  13. hieronymus on

    saranno pure pochi, ma intanto ci sono, e sicuramente non possiamo che ringraziare il movimento. certo se anche gli altri deputati regionali rinunciassero a parte del loro stipendio… dobbiamo dirle e farle notare queste cose!

    ciao

  14. leggo i commenti da molte persone e mi accorgo che molti sono ignoranti e presuntosi, arroganti, deficienti di ***** , anzichè esultare, che il mov 5 stelle ha fatto ottenere grazie alla propria battaglia , e grazie a soldi che stanno rinunciando, promesse fatte che mantengono, deficienti che magari non hanno votato il mov gente che magari oggi contesta ciò che non sa cosa contestare, anzichè ringraziare questa nuova classe di ragazzi politici che con il solo loro impegno, e il loro sacrificio stanno dando dimostrazione di come si puo amministrare una regione con il buon senso del padre di famiglia , con la massima trasparenza , e senza arricchirsi come hanno e continua fare i nostri politici , con la politica.Dovremmo essere grati a loro e appoggiarli anzichè contestare, che gentaglia di merda impera in questo povero popolo italiano

  15. non si faceva prima …se i soldi di 5 stelle li avessero presi e distibuiti tramite movimento ci saremmo risparmiati il passaggio a mani bucate e ladre……5 stelline facciamoci furbi se vogliamo spaccare il ***** a questi governanti del *****!!

  16. Piero Vasile on

    Carissimi LARA, ANDREA e soprattuto SIMONE.
    Dunque, premessa.
    Non è assolutamente vero che i soldi andranno direttamente alle aziende.
    Se avessi letto meglio i miei commenti, LARA, avresti visto che, come ho detto, solo 279 tra le migliaia di imprese, saranno autorizzate ad avere il prestito e questo è stato deciso dalla Unicredit.
    Anzi, 273 dall’Unicredit e 6 da una banca cooperativa.
    Inoltre, a parte che lo stesso Crocetta aveva già dichiarato che i soldi andranno ai Confidi che poi tratteranno con le banche, il microcredito funziona soprattutto cosí.
    L’imprenditore si iscrive ad un Confidi perchè in questo modo ha un canale privilegiato.
    Quanto ad ANDREA e a SIMONE, anche voi, dovreste leggere un po’ meglio i miei commenti, prima di criticare.
    Perchè non è che io abbia sparato a zero parlando a vanvera, come siete abituati a fare voi illuminati a 5 stelle.
    Oltretutto io le ho fatte le proposte, caro SIMONE.
    Altro che criticare e basta.
    Ho proposto che questi soldi vadano alla ristrutturazione di scuole o ospedali fatiscenti oppure siano usati per finanziare l’insegnamento di sostegno che è stato tagliato.
    Mi sembra abbastanza chiaro.
    In questo modo, SUL SERIO i soldi sarebbero stati a beneficio di TUTTI i cittadini.
    In questo modo, invece, i soldi andranno alle banche che poi li PRESTERANNO con gli interessi a quegli imprenditori che LE BANCHE sceglieranno.
    E come credete che sarà fatta la selezione fra le migliaia e migliaia di imprese che ne avranno bisogno?
    Pensate che saranno scelte le imprese piene di debiti e con l’acqua alla gola a rischio suicidio dell’imprenditore?
    O piuttosto quelle imprese che, con ogni probabilità potranno RESTITUIRE, ripeto RESTITUIRE il prestito?
    Perchè vedi, ANDREA, tu ti sorprendi che io proponga che i soldi vengano regalati.
    Ma allora scusa, lo scopo di tutta sta manovra pubblicitaria qual è?
    Oggi le banche non finanziano perchè i soldi che arrivano loro dallo Stato, vengono usati per comprare debito, anzichè per finanziare gli imprenditori.
    Ma i soldi del microcredito grillino non vengono dallo Stato.
    Sono versamenti volontari dei grillini.
    E allora che bisogno c’è di prestarli?
    Mica sono dello Stato?
    E che bisogno c’è di darli alle banche?
    Mi volete dire come intendete spiegare all’imprenditore che vi ha votati e che non riceverà alcun finanziamento perchè non è fra i 279, come spiegate, dicevo, che quei soldi tanto sbandierati, lui non li avrà e sarà costretto a chiudere e a suicidarsi?
    Andrete sotto il balcone da cui vuole gettarsi a dirgli: “Scusaci, ma non è colpa nostra. La colpa è della banca che non ti ha selezionato…”
    Ma come, la banca?
    Grillini, il destino dei piccoli e medi imprenditori lo affidate alle mani DELLE BANCHE?????
    Alle mani di quelle contro cui vi scagliate continuamente?
    Alle mani di chi ha creato questa crisi?
    Grillini, ma che mi combinate?
    Ora, io ho abbastanza argomentato i miei commenti passati e presenti, con un discorso logico e con dei fatti.
    Dunque vi prego, se avete intenzione di rispondere con le solite prese per i fondelli, i soliti vaffa o semplicemente dandomi dell’infangatore, evitate persino di rispondere.
    Non ne vale la pena.
    Conosco a memoria questo copione scritto da Grillo, il quale ha anche scritto la sceneggiatura di questa commedia…

  17. Piero Vasile on

    HIERONYMUS E ANHELO, ecco, voi siete proprio il prototipo del grillino.
    Uno non sa che dire e dà dell’ignorante, presuntuoso, arrogante, deficiente di ***** agli altri.
    Aggettivi che sembrano descrivere piú sè stesso che altri, visto che non sa niente di niente di nulla e parla per sentito dire e perchè se Grillo dice che gli asini volano lui ci crede e nonostante tutto, tenta di offendere chi porta gli argomenti e i fatti per smentire quello che viene detto.
    Non so voi, ma a me questo sembra proprio un atteggiamento da “ignorante, presuntuoso, arrogante e deficiente di*****…”
    A proposito, ma deficiente di ***** sta per degiciente a 5 stelle…?

    All’altro, viene detto e ridetto che sta storia del microcredito è una boiata, cosí come programmata, la quale darà benefici solo alle banche e gli vengono anche forniti i fatti e gli argomenti a sostegno e lui che fa?
    Non è che risponde con altri argomenti sostanziali, credibili.
    No!
    Risponde dicendo: “Dobbiamo essere grati ai grillini per questo fondo…”
    Mah!?
    Vabbe’…
    Per chiarezza, rispondo a HIERONYMUS sulle 279 imprese approvate per il prestito.
    Io non ho fatto i conti con la calcolatrice.
    Perchè presumendo, spesso si sbaglia…
    Mi baso sui fatti.
    Le imprese accreditate saranno 279, deciso in grandissima parte da Unicredit (273 Unicredit, 6 altra banca).
    L’importo dei 20000 euro è il massimo concedibile, ma a qualcuno potranno anche PRESTARE, PRESTARE, 5000 o 10000, ecc ecc.
    Ciao.

  18. PIERO VASILE, grazie innanzitutto per avere argomentato ulteriormente sul tuo punto di vista, ed in maniera molto chiara. Nota che tra i commenti precedenti al mio comunque il tuo era circa l’unico ben argomentato. Grazie anche per avermi incluso tra gli illuminati grillini, ma purtroppo non appartengo a nessuna delle due categorie. Attenzione che identificare in massa gli interlocutori discordi con un unico aggregato di “nemici” è uno dei primi sintomi di complottismo 🙂
    A parte gli scherzi, rimango della mia idea sul fatto che i soldi non vadano mai regalati, mentre è sicuramente utile che siano fatti girare: innanzi tutto chi li riceve in prestito anziché in regalo, immagino che si senta più responsabilizzato nel loro impiego, concorderai con me credo che non tutti tutti chiederebbero i soldi perché realmente con l’acqua alla gola, ma perché magari “tentar non nuoce”… Poi secondo me il clientelismo è creato dai regali a pioggia, non dai prestiti regolamentati. Inoltre proprio perché una parte (nemmeno minoritaria) di quei soldi se la stanno letteralmente togliendo di tasca delle persone che tu palesemente non hai votato, gli vorrai concedere il diritto di scegliere il modo in cui saranno usati? Infine: se i soldi venissero regalati, e senza passare dalle banche: ma che responsabilità ti prendi? Controlli personalmente che li stai dando a aziende con certificazione antimafia? Senza carichi pendenti? Senza fallimenti pregressi? Ma davvero pensi che sarebbe possibile, soprattutto in Sicilia?
    Infine, sulla ipotesi di darlo non alle aziende in crisi ma usarlo per scuole, insegnanti di sostegno, e simili: verissimo, molto nobile e civico (non sono polemico, e per altro per motivi familiari so ESATTAMENTE quanto sarebbero utili in questi due contesti) ma rimango dell’idea che la priorità sarebbe fare ripartire l’economia, mettere soldi significa fare muovere il volano: inoltre ritorni al problema sui criteri di assegnazione: a quale scuola tra tutte? E sei sicuro che poi finiscano solo a quelle pubbliche? E siamo punto e a capo. Per usarle nelle infrastrutture quelle cifre si che sono troppo esigue.

  19. Hò la necessità di accedere a questo microcredito per la mia attività,come posso fare,a chi mi devo rivolgere?
    Qualcuno mi può informare.Grazie Antonino Riggio

  20. giueppe sberna on

    ciao giancarlo andate avanti state attenti che la politica mafiosa ha tanti mezzi ,quello di lasciare da soli i suoi uomini i quando non si comportano come vorrebbero ,voi non siete uomini politici che fate parte a cosa nostra,quindi guardatevi da tutto e da tutti ,la politica mafiosa quella più potente è di lasciare i territori in mano ai suoi aguzzini,che in qualità di colpire sono abbastanza convincenti,questi individui sono fra di voi in regione come deputati ma deputati che favoriscono la politica mafiosa

  21. Ora però il problema è chi lo gestirá questo fondo mediocredito. Se non vi mettete al timone del governo non cambieremo nulla .

  22. Vorrei anche far notare, dopo aver letto tutti i commenti sopra, che oltre a scuole, enti pubblici, lavori artigianali come calzolai, orologiai e quant’altro, una categorie da non tralasciare è quella dell’informatica (e non intendo il classico negozio di computer, ma spazio dalla agenzie pubblicitarie al commercio elettronico e quindi trasporti, ecc ecc. ecc.).
    Nel mio paese un solo cittadino (ma è solamente uno dei tanti “casi anomali”) che ha fondato una Start-up ecommerce grazie alla rete in 3 anni ha triplicato gli operai regolarmente ingaggiati e la cifra cresce esponenzialmente. Incuriositi da questo fenomeno in controtendenza con la media nazionale ed europea, ci siamo meglio documentati ed abbiamo scoperto che il settore informatico da maggiori profitti in termini di sviluppo e occupazione.
    Inoltre, nella maggior parte dei casi si tratta di giovani con grandi idee che necessitano di poche migliaia di euro per mettere su imprese che nel corso di un paio di anni daranno DAVVERO una scossa alla situazione stagnante.
    Ci siamo documentati anche a livello europeo, dove ovviamente la Germania risulta essere la migliore: i cittadini stessi si sono subito resi conto che le cosidette Start-up creano lavoro e soprattutto occupazione ed hanno praticamente fatto scudo attorno a questi giovani aiutandoli e favorendoli!
    Detto questo, fate le vostre valutazioni e come dice mia nonna, “…che il Signore vi benedica!” perchè dopo quello che leggo oggi di Venturino, e dopo averlo incontrato a Leonforte domenica alla riunione provinciale ennese, mi lascia molto turbato.

  23. Salvatore Fasola on

    Io non capisco perché dobbiamo andare a cercare il pelo nell’uovo… Il M5S sta “provocando” la nostra politica a fare la stessa cosa. Sono 14 deputati e già quello che stanno facendo è meritevole di stima. Se tutti i deputati facessero la stessa cosa potremmo aiutare la microimpresa a investire in nuove attività, l’artigianato a ripartire con nuove attività. Piano piano potremo iniziare nuove attività che potrebbero dare un piccolo input alla nostra economia isolana. Se tutte le Regioni facessoro la stessa cosa si creerebbero delle piccole attività che possono far smuovere l’economia. L’importante è iniziare. Diversamente avremo il niente. Non lamentiamoci sempre e non facciamo sempre i disfattisti. Anzi aiutiamo questi ragazzi con suggerimenti validi. rendiamoci partecipi di queste iniziative e non distruttivi a tutti i costi perché dobbiamo appoggiare una fazione politica diversa….

  24. Ottenere un prestito oggi a basso tasso di applicare ora i prestiti sono dati ad un tasso del 3 % si applica ora questo può aumentare il vostro business per una maggiore altezza . Stiamo offrendo prestiti a imprese e persone personali , se avete bisogno di un prestito per avviare un’attività imprenditoriale o di prestito per pagare le bollette di contattarci via (georgeanderson.loanfirm255@gmail.com) e ottenere un prestito dalla nostra azienda … rendo i migliori servizi di prestito .

    offerta di prestito

  25. Vorrei sapere come fare per fare la domanda per il microcredito per la mia ditta. A chi devo rivolgermi. E se c’è uno sportello diretto ad Aci S. Antonio o Acireale.
    Grazie

  26. Sr. Carlos Ellison on

    Avete bisogno di un prestito? Sei stato alla ricerca di dove ottenere un prestito? Avete cercato di ottenere qualsiasi tipo di prestito? quindi applicare ora? (carlosellisonfinance@outlook.com) se si vuole ottenere un prestito conveniente. Prestito è offerto qui ad un tasso di interesse molto basso del 2%. Contattaci subito se siete interessati.

Leave A Reply