Poesia dedicata ai cittadini in movimento

L’autrice Maria Alleri, ha voluto farci un piccolo regalo dedicando queste intense parole scritte in dialetto siciliano a tutti coloro che vogliono CAMBIARE questa nostra terra siciliana.

Scrive la poetessa siciliana:
“La verità è che siamo complici dell’olocausto di una intera generazione a cui dobbiamo almeno la solidarietà in questa lotta che hanno intrapreso e che si rivelerà impari se non ci schieriamo fattivamente con loro per rimuovere poteri consolidati e devastanti. Proviamo ad edificare insieme una nuova arca di Noè dove salvare coloro che vogliono riemergere e impegnarsi nella ricostruzione di un mondo ispirato ai valori e ai principi anch’essi ripescati in seno a questo diluvio rovinoso che ci vorrebbe inerti. Lanciamo a questi ragazzi tenaci e combattivi i nostri voti come dei salvagenti cui potersi aggrappare per salvarsi, per salvarci e per riscattarci.”

Poesia dedicata ai cittadini in movimento:

Nuatri simu abituati a campari abbonè abbonè e un ci puonu mancu i baddi pi farinni capiri ca nuddu nni urdinà di accommadari sempri senza pretenniri mai socchi nn’apparteni.

Di stà manera damu a largasìa a chiddi ca cumannanu ca sintiennusi spierti continuanu a arruddarisi u sò cudduruni e a tirari acqua o sò mulinu senza talìari nè erva nè lavuru.

Cridiemu a tutti i fissarii ca nni prummintunu senza scannaliarinni ca campa cavaddu ca l’erva crisci, e aspittamu ‘mpassuluti comi tanti sturduti a manna du cielu mentri ormai nni putimu stuiari u mussu.

Ma cu avà diri ca nni avìamu arridduciri cu na pezza davanti e una darrìa, senza chiù nè arti nè parti e comi tanti cani vastuniati.

Ddà pi ddà pari ca nni dispramu e ca vulissimu acchianari i mura lisci ma pùa nni spacinziamo e lassamu perdiri pinzannu ca cu veni appriessu cunta i pidati; atri voti spramu ca Diu vidi e provvidi.

[hr]

Maria Alleri


Leave A Reply