Con l’esercizio provvisorio, il governo del nulla fallisce pure l’ultimo obiettivo. Cala il sipario su un anno di fallimenti e su una Sicilia in ginocchio

“Dopo aver fallito tutti gli obiettivi, Il governo del nulla non è riuscito a portare a casa nemmeno l’obiettivo minimo: evitare l’esercizio provvisorio. Cala così mestamente il sipario su anno di fallimenti che Musumeci, goffamente, ha cercato di coprire con la bufala del ‘dovere del silenzio’ e, sul filo di lana, con la fake news dell’approvazione del piano rifiuti, una scatola vuota che, al massimo, può essere assimilato ad una dichiarazione di intenti”.

Lo affermano i deputati del M5S all’Ars dopo l’ok di sala d’Ercole al bilancio provvisorio.

“Le emergenze di una Sicilia in ginocchio  – afferma il capogruppo Francesco Cappello – rimangono tutte sul tappeto, dai rifiuti alla sanità, dalle strade, alla Formazione. Se c’è una cosa in cui Musumeci è riuscito in pieno è quella di avere fatto addirittura rimpiangere Crocetta, ed è quanto dire. Le poche cose buone che questo esecutivo è riuscito a portare in porto sono arrivate grazie alla vicinanza del governo Conte, che avrebbe potuto perfino fare di più se la Regione, paradossalmente, non si fosse messa di traverso, come nel caso della continuità territoriale per gli aeroporti di Trapani e Comiso, che oggi avrebbe potuto essere una realtà se Musumeci non ci avesse dormito sopra. Salvo poi lamentarsi per i prezzi esosi dei voli aerei per la Sicilia”.


Leave A Reply