Condanne formazione. M5S: “Genovese e Rinaldi si dimettano subito”

I deputati Zafarana (Ars) e D’Uva (Camera dei Deputati): “Non aspettino la Severino. La sentenza di primo grado mette in luce il modo in cui è stato deturpato il futuro dei giovani messinesi”.

“Franco Rinaldi deve dimettersi ancor prima di aspettare la Severino. E’ immorale che un uomo coinvolto in simili vicende continui a percepire un lauto stipendio da parlamentare regionale e fregiarsi del titolo di onorevole . La sentenza di primo grado infatti mette in luce il modo in cui sarebbe stato deturpato il futuro dei giovani messinesi”. A dichiararlo è la deputata regionale Valentina Zafarana all’indomani della condanna a Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI. “Se Rinaldi non farà spontaneamente un passo indietro anziché attendere la sospensione dall’incarico come prevede il Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e come vorrebbe lo stile di un uomo chiamato a far rispettare l’onore delle istituzioni, sia il suo partito a farlo dimettere. Ricordiamo bene quel frammento di intervista a Report in cui Rinaldi dichiarò che ‘i voti si cercano sulla terra e non sulla luna’. Tale frase, ci indigna oggi più di allora. Peraltro – continua Zafarana – ci chiediamo come mai l’attuale presidente della Regione Rosario Crocetta che si è sempre mostrato intransigente verso l’utilizzo clientelare del settore della formazione, non abbia mai sospettato da dove potessero provenire i voti che hanno contribuito in modo importante alla sua elezione”. Punta il dito verso il cognato di Rinaldi, ovvero Francantonio Genovese, il deputato nazionale Francesco D’Uva: “Se è pur vero che siamo ancora al primo grado di giudizio – dice il deputato – e quindi bisognerà comunque attendere gli ulteriori sviluppi processuali, è impossibile non commentare e inquadrare questa prima sentenza in una cornice di ‘giusta giustizia’. Francantonio Genovese – continua il deputato – è stato definito come il ‘perno’ di un’associazione a delinquere che operava a livello regionale e che poteva contare su una schiera di ‘affiliati’. La sentenza parla chiaro. Adesso noi chiediamo che Genovese faccia il doveroso passo indietro e si dimetta da parlamentare. Lo riteniamo il minimo dopo una condanna – conclude D’Uva – che seppur di primo grado, è pur sempre una condanna”.


Leave A Reply