Ospedale Piemonte, M5S: ”Il pronto soccorso non deve chiudere, i deputati non terrorizzino i cittadini”

 

Le norme presentate da Formica, Grasso & Co. sono incostituzionali e ledono il diritto alla salute”. Lo ribadisce ancora dagli scranni di Sala d’Ercole la deputata del Movimento 5 Stelle Valentina Zafarana, in merito alle sorti dell’ex ospedale Piemonte di Messina. “I deputati gettano fango sulla nostra più che legittima opposizione – afferma Zafarana – e fanno credere erroneamente che si rischi la chiusura dell’ospedale”. La parlamentare Cinquestelle ha anche presentato degli emendamenti correttivi che riportano il ddl al rispetto dei rilievi del Ministero. Secondo la deputata, la tenacia nel portare avanti la norma, con annessi gli emendamenti di Formica e Grasso passati in commissione, è testimonianza della volontà di regalare immobili e patrimonio che erano del Piemonte al Centro Neurolesi Bonino Pulejo di Messina, l’Irccs. “E’ indubbia la nostra volontà di garantire il diritto alla salute e mantenere vivo il pronto soccorso, i cittadini messinesi questo lo sanno”.

La norma tornerà in Aula tra una settimana, il 7 gennaio i deputati a Palazzo dei Normanni dovranno votare per le sorti della struttura ospedaliera. Ancora un appello, quindi, rivolto ai parlamentari siciliani: “Chiedo solo vengano applicate le leggi dello Stato”.

 

 


1 commento

  1. Riccardo Giammanco on

    Ma quale regalo! L’IRCCS è un’azienda sanitaria pubblica del Servizio Sanitario Nazionale!!! Unico Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico PUBBLICO della Sicilia.

Leave A Reply