Commissioni Ars ancora in alto mare. I partiti devono decidere come spartirsi le presidenze

“In settimana si dovrebbe procedere alla votazione, ma alcuni gruppi non hanno ancora comunicato nemmeno le griglie dei deputati”

“La spartizione delle poltrone continua a paralizzare il Parlamento. Dopo la vergognosa, irritante e infinita telenovela che ha preceduto la nascita del Crocetta-quater, si rischia ora una nuova stagnazione istituzionale sulle presidenze delle commissioni: la Sicilia e i siciliani non meritano questo”.

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle all’Ars interviene sulla vicenda del rinnovo della commissioni permanenti, in freezer, ormai da mesi.

Non tutti i partiti hanno comunicato alla presidenza dell’Ars la lista dei deputati da destinare alla varie commissioni. Difficile, pertanto, che in settimana si proceda alle votazioni, come previsto.

“I palazzi del potere – affermano i deputati cinquestelle – continuano a mandare alla gente sempre lo stesso segnale, gli interessi personali e le brame di potere prima di tutto. Dopo aver tenuto in stallo un’isola per rifare il volto ad un governo che per gran parte mantiene le stesse facce, siamo di nuovo nel pantano.   Noi – proseguono i deputati – abbiamo comunicato la nostra griglia da tempo ad Ardizzone. Siamo stati i primi a farlo. A quanto pare all’appello mancano diversi partiti, tra cui il Pd e la cosa non ci meraviglia affatto: ci sono parecchie persone rimaste fuori dagli assessorati che vanno accontentate. Va definita, inoltre, la trattativa con i vari pezzi di questa eterogenea maggioranza per spartirsi le presidenze. Sono questi i grandi temi sul piatto nel palazzo. Le emergenze, quelle vere, possono aspettare”.

 

 


Leave A Reply