M5S: “Hiv, un sieropositivo su 4 non sa di esserlo”

Una mozione ed una interrogazione a Sala d’Ercole che puntano all’applicazione delle legge 135 del 1990 e all’istituzione della Commissione nazionale per la lotta contro l’Aids e della Consulta della associazioni per la lotta alla malattia. La deputata La Rocca: ”Che fine hanno fatto i 49 milioni di euro assegnati alla Regione siciliana per finanziare l’aggiornamento professionale?”

2 atti all’Ars per accendere i riflettori sull’Aids

Dati allarmanti in Italia, ugualmente in Sicilia, in merito alla lotta contro il virus dell’HIV: un sieropositivo su 4 non sa di esserlo. Da queste premesse partono all’Ars una mozione ed un’ interrogazione targate M5S ed una serie di iniziative che impegneranno parlamentari nazionali del Movimento e consiglieri regionali a 5 Stelle.

Bisogna immediatamente tornare a porre la dovuta attenzione sulla problematica – afferma la deputata 5 Stelle Claudia La Rocca, prima firmataria dei due atti – a tal proposito abbiamo presentato i due atti per impegnare il governo regionale ad applicare e rispettare la Legge n. 135 del 1990 “Programma di interventi urgenti per la prevenzione e la lotta contro l’AIDS”, una legge fra le più esaustive ed avanzate del mondo che ha previsto una serie di misure urgenti nel settore assistenziale della prevenzione e della formazione”.

Attraverso i due atti si chiede anche l’istituzione della Commissione Nazionale per la lotta contro l’Aids (CNA) e della Consulta delle Associazioni per la lotta contro l’Aids (CAA).

Purtroppo, a livello nazionale, – continua la deputata La Rocca – secondo uno studio condotto dall’Istituto superiore della Sanità, la suddetta legge viene in gran parte disattesa mentre Commissione e Consulta non sono operative da anni”.

Per capire l’ampiezza del fenomeno, solo in Sicilia, dall’inizio dell’epidemia ad oggi, i casi di AIDS sono stati 2.731, dei quali 19 soltanto nel 2010.

Tra il 2006 e il 2011 – dice La Rocca – è aumentata costantemente la quota di persone che è arrivata allo stadio di AIDS conclamato ignorando la propria sieropositività. Addirittura nel 2011 questa proporzione è salita al 62,9 per cento”.

Contemporaneamente, i deputati Cinquestelle chiedono al Governo regionale spiegazioni in merito all’effettiva gratuità dei test e soprattutto che fine abbiano fatto i 49 milioni di euro assegnati a favore della Regione siciliana con l’Accordo Stato-Regioni del 22 novembre 2012, per finanziare specifici interventi a carattere pluriennale per lo svolgimento di corsi di formazione e aggiornamento professionale, nonché per il trattamento domiciliare dei soggetti affetti da AIDS.

Ad oggi – conclude Claudia La Rocca – non si capisce con quali criteri siano stati spesi i fondi per i test; mentre i corsi, nella gran parte delle province siciliane, non si sono tenuti, nonostante la formazione degli operatori coinvolti nella lotta all’AIDS, come indicato anche nelle Linee guida per le Regioni e le Province autonome per l’attuazione dei programmi di formazione, rappresenti una condizione indispensabile per la lotta alla malattia”.

 


1 commento

  1. Faccio notare alla cittadina Sign.na La Rocca che, con tutto il rispetto per l’Hiv e la sieropositività, 4 dipendenti della formazione professionale su 4 non sanno di essere poveri malgrado siano titolari di un contratto a tempo indeterminato. Quando i cittadini del M5S, eletti con migliaia di voti carpiti ai dipendenti della formazione, la finiranno di giocare con il pongo e con i soldatini e si impegneranno seriamente a risolvere un dramma sociale che sta distruggendo 8000 famiglie siciliane e decine di migliaia di utenti?

Leave A Reply