Ispezioni negli Enti Locali a ridotte per carenza di fondi? Presentati 2 atti all’Ars dal M5S per cercare di evitarlo

Si tratta di una mozione e di una interrogazione.

Pochi soldi in bilancio per le missioni e le visite ispettive negli Enti locali vanno verso una drastica riduzione. Per cercare di evitarlo il M5S ha presentato una interrogazione e una mozione all’Ars con le quali chiede lumi al governo e punta ad impegnare il presidente dell’Ars e l’assessore delle Autonomie locali e della Funzione pubblica ad impinguare il capitolo relativo alle missioni del personale con una somma tale da assicurare continuità all’attività ispettiva e a porre in essere tutte le azioni amministrative necessarie affinché venga ampliato l’organico a disposizione del dipartimento delle Autonomie locali dell’omonimo assessorato.

L’azione dei deputati del Movimento prende le mosse da due circolari emanante nei mesi scorsi dal direttore generale del dipartimento Autonomie locali, con le quali si annunciava una “revisione delle modalità operative”, disponendo di conseguenza la riduzione al minimo indispensabile delle visite effettive presso gli enti locali sottoposti a vigilanza, sostituendole con la convocazione degli amministratori degli enti controllati presso la sede del dipartimento di Palermo.

Una soluzione che secondo il Movimento 5 Stelle finirebbe col far lievitare i costi piuttosto che contenerli

Questa procedura – afferma Giancarlo Cancelleri, capogruppo M5S all’Ars e primo firmatario dei due atti parlamentari – comporterà un aggravio della spesa, visto che costringerà a spostarsi a Palermo più funzionari comunali piuttosto che un solo ispettore in direzione della sede oggetto dell’ispezione”.

L’attività degli ispettori è importantissima, in quanto consente il recupero di ingenti somme (anche quelle relative a eventuali danni erariali) e produce risvolti positivi in ordine al rispetto dei principi di legalità e di buona amministrazione.

Dall’inizio del 2013 – afferma Cancelleri – l’attività ispettiva si è sensibilmente ridotta sia a causa della carenza di organico, che può contare solo su 10 unità, che per la carenza delle somme stanziate nel bilancio di previsione per i rimborsi spese delle missioni, che ammontano a solo 15 mila euro”.

Per cercare di ridare linfa alle ispezioni intanto il gruppo parlamentare M5S ha presentato un emendamento alla Finanziaria che prevede lo stanziamento di 200 mila euro.


Leave A Reply