No a nuove raffinerie nel Siracusano. Interrogazione M5S all”Ars per fermare i russi

L’atto parlamentare mira a conoscere e a stoppare l’operazione avviata da Crocetta che potrebbe fare sorgere nuovi impianti petroliferi in una zona già martoriata a livello ambientale.

I parlamentari del Movimento Cinque Stelle all’Ars prendono una netta posizione contro nuovi impianti estrattivi che potrebbero derivare dagli incontri fatti in questi giorni dal presidente della Regione, Rosario Crocetta, con gli imprenditori russi della Lukoil.

Per questo i deputati 5 Stelle hanno presentato una interrogazione – prima firmataria Angela Foti – per conoscere tutti i tutti i dettagli dell’incontro avvenuto con la delegazione di imprenditori russi e – soprattutto – per sapere dal Presidente della Regione e dagli assessore regionali all’Ambiente, se non ritengano opportuno fermare immediatamente le trattative in corso per la costruzione dell’ennesimo eco-mostro che, in un’ottica di lungo periodo, non porta nessun giovamento, e che al contrario rischia di trasformarsi nel prossimo “disastro annunciato” sanitario ed ambientale.

“Prevedere la costruzione di ulteriori impianti altamente inquinanti come sono, per definizione, le raffinerie petrolifere – afferma Angela foti – non rappresenta certo una soluzione né innovativa, né in linea con un nuovo modo di pensare lo sviluppo industriale e produttivo, che prima di tutto deve essere indirizzato all’eco-compatibilità degli impianti di produzione, visti gli scempi e l’altissimo grado di inquinamento ambientale creato nei decenni passati da simili impianti chimico – industriali, con gravi ricadute sulla qualità di vita e sulla salute dei cittadini residenti nelle zone dove questi impianti sono dislocati”.

“L’eventuale costruzione di raffinerie – continua Angela Foti – porta la nostra Isola indietro di diversi decenni e ricorda molto da vicino un ricatto che prevede lo scambio tra occupazione e salute della cittadinanza e inficia lo sviluppo turistico, che dovrebbe invece rappresentare la priorità, di zone ad alta valenza paesaggistico/ambientale come quelle del Siracusano, dove tra l’altro insiste uno dei più grandi parchi archeologici d’Europa”.


3 commenti

  1. Dobbiamo vincere la resistenza di chi ha paura del cambiamento.
    Dobbiamo incidere sulla coscienza delle persone, affinchè siano libere, e culturalmente progredite, affinchè si capisca, che la strada da intraprendere, non è quella affrontata in passato.
    E…voi Deputati, che Dio vi assista, su quell’infaticabile opera , inanzitutto di informazione a noi.(Riflettori puntati)

  2. Pingback: Vendendo l’Italia nella politica dei saldi .. | Partito Viola

  3. Pingback: Vendendo l’ITALIA nella politica dei saldi .. | 6 VIOLA

Leave A Reply