Un omaggio siciliano…

Abbiamo ricevuto un gradito omaggio da un simpaticissimo signore catanese di nome  Antonino Ogliadoro. 

Leggetela… ma sappiate che l’intensità delle sue parole non sarà mai paragonabile all’emozione del sentirla recitare dall’autore.

‘N gnornu allu patri eternu vinni na pinsata
fici na gemma, a chiù prizziusa
la misi ‘nda lu mari ncastrata
e Sicilia a chiamau terra adurusa

Di lu mari tuttu attornu ca ti vagna
pi sangu hai lu focu ntra li vina
lu cielu azzurru vasa li muntagni
Sicilia, biddizzi nai senza fini

Si tantu bedda ca non ti si po’ chiuriri
ginirusa forti, si na rocca
e voi beni a tutti tu
macari a cu tallorda pi diri ca si sporca

e pi sti biddizzi e pe to tisori
pretendenti n’avutu quantu a rugna
di tutti li razzi, luntani e vicini
p’aviri a tia san’ammazzatu a pugna

a pugna, cu armi assai putenti
lu sangu l’ana fattu curiri a sciumara
custringendu la povira tua genti
a fari na vita tristi e amara

cu la so tirannia sti bastaddi
ta na luatu unuri e dignità
e pill’uttimu Giuseppi Garibaldi
ti purtau na falsa libertà

e non è mafiusu no, cu je sicilianu
mafiusu è cu vinni di luntanu
ca ietta la petra e s’ammuccia la manu

u sicilianu è onestu sinceru ginirusu
e potta impegnu e cori unni va’ va’
sunu i bastaddi a diri ca è mafiusu
ppi dari sfogu alla malvagità

ed è chiu strittu quannu s’alluntana
e dintra u cori si rapi na firita
e non c’è midicina ca la sana
aperta resta, e pi tutta a vita

lu susteni sulu na spiranza
e di quannu sinni va signa li iorna
e aspetta la fini dilla luntananza
picchi guarisci sulu su tonna

 

— Antonino Ogliadoro



2 commenti

  1. Molto bella ma consiglio di tradulla anche in Italiano, penso chi la legga abbia un po di difficolta con Siciliano. Al signor Antonino Ogliadoro Spero davvero che riusciremo a cambiarla la nostra bella Sicilia.

Leave A Reply