Bretella A19, M5S: “Ennesimo appuntamento fallito dal governo. I tre mesi sono scaduti ieri”.

Il deputato Giancarlo Cancelleri. “L’esecutivo ha fallito ancora. A Crocetta possiamo chiedere solo una cosa, le dimissioni”.
Intanto via dell’Onestà continua ad essere percorsa da decine di migliaia di siciliani . “Anche da chi, come il parlamentare regionale Gennuso, ne ha chiesto pubblicamente la chiusura, perché considerata pericolosissima”

Un’altra promessa a vuoto. Anche per la bretella sulla A 19 il governo non ha mantenuto gli impegni presi. Sono scaduti oggi i novanta giorni annunciati per “ricucire” la Sicilia, riaprendo al traffico veicolare l’autostrada Palermo-Catania (all’altezza di Scillato), dopo sette lunghissimi mesi di stop ed inenarrabili disagi dei siciliani.

Crocetta- dice il deputato all’Ars Giancarlo Cancelleri – non si è smentito. Ci saremmo sorpresi del contrario. In questa legislatura l’unica cosa in cui è stato superattivo è stato nella spartizione di poltrone e nomine. Per il resto, nulla.  Come M5S denunciamo l’incapacità di questo governo di rispondere con tempi certi e rapidi alle esigenze dei siciliani e delle imprese, che vedono nella mancanza di infrastrutture un enorme ostacolo a lavorare e a creare sviluppo. A Crocetta lanciamo l’unico messaggio possibile: si dimetta”.

Intanto la trazzera di Caltavuturo, che ha mitigato moltissimo i disagi di chi ha viaggiato a partire da aprile da una capo all’altro dell’isola, continua ad essere gettonatissima dai siciliani.
Anche da quelli – dicono i parlamentari M5S – che la giudicano pericolosissima, ma che continuano a percorrerla nonostante ne chiedano pubblicamene la chiusura”.

E’ il caso, ad esempio, del deputato regionale Giuseppe Gennuso, che recentemente ha messo pubblicamente in guardia sui pericoli della strada,  che va chiusa con misure urgenti e improrogabili, perché rappresenta un pericolo per tutti coloro che la percorrono”. “Un grandissimo esempio di coerenza”.

 

Guarda il video con Giancarlo Cancelleri:


1 commento

Leave A Reply