Impugnata la legge M5S sugli appalti. Tancredi: “L’ennesimo sfregio del governo Renzi alla Sicilia. Crocetta si muova o per il settore sarà l’ecatombe”

Nell’isola potrebbero esserci gravi ripercussioni. L’assessore ai Lavori pubblici di Ragusa, Corallo. “Solo da noi a rischio anche grosse aggiudicazioni”.

“L’ennesimo sfregio del governo Renzi alla Sicilia, Crocetta ora si muova per correre ai ripari”. 
E’ un attacco politico alla nostra isola per il M5S all’Ars, l’impugnativa della legge sugli appalti del M5S.

sergio tancredi cs3“La lettura delle motivazioni, che non entrano nel merito degli approfondimenti giuridici prodotti a supporto della legge 14 e chiesti da palazzo Chigi – afferma il primo firmatario della legge Sergio Tancredi – mi fanno pensare che le motivazioni siano esclusivamente politiche, perché si vuole evitare che la Sicilia riaffermi il proprio diritto a legiferare, anche nelle materie concorrenti, peculiarità dataci dal nostro statuto, che da più parti ultimamente viene attaccato. Questo è l’ultimo di una serie di sfregi del governo Renzi alla Sicilia e all’economia siciliana. Mi aspetto che Crocetta difenda la legge chiedendo alla Corte costituzionale di pronunciarsi in merito e sono convinto che alla fine la Corte ci darà ragione, anche perché se non lo facesse, alla luce delle precedenti sentenze, smentirebbe se stessa”.

“Quella sugli appalti è una riforma fondamentale per il settore – continua Tancredi – e la recente manifestazione degli imprenditori, che sono arrivati perfino ad incatenarsi per difendere la legge ne è prova lampante. Lo stop farebbe ripiombare nella disperazione tutti gli operatori dell’edilizia, vanificando la possibilità di rilancio del comparto”.
“Da rimarcare – conclude Tancredi – che con la nuova legge i partecipanti alle gare sono aumentati sensibilmente, confermando che l’auspicio di un incremento di competitività era corretto e che si tratta di una norma che stimola la libera concorrenza, ampliando la platea dei soggetti che possono aspirare all’aggiudicazione”.

Conferma le conseguenze negative dell’eventuale stop l’assessore salvo coralloai Lavori pubblici di Ragusa, Salvo Corallo: “Molte aziende avevano ritrovato lo stimolo a partecipare alle gare. Solo nel nostro Comune alcuni grossi lavori ora potrebbero fermarsi. La riforma garantiva, oltretutto, la qualità dei lavori, in quanto non costringeva gli imprenditori a ricorrere a risparmi sui materiali per ottenere i maggiori ribassi”.


1 commento

  1. Mario Farella on

    Premesso che: Secondo me, tutta la classe politica dalla seconda repubblica ad ora ha messo su un mal sistema talmente bene organizzato ma talmente bene organizzato che è estremamente difficile rimetterlo a posto ivi comprese tutte le leggi sui lavori pubblici. Stando così le cose non vi sembra che chi ha partecipato a mettere su questo sistema ora cerca di impedirne eventuali giuste correzioni?

Leave A Reply