Ex Tonnara di Scopello, M5S: “C’è puzza di illecito, un privato non può impedire l’accesso al mare”

La deputata Cinquestelle Valentina Palmeri interroga nuovamente il governo regionale sulla tonnara, e chiede sanzioni per chi ha consentito la chiusura all’area demaniale. In questi giorni sono stati presentati anche diversi esposti da parte di cittadini ai quali è stato negato l’accesso libero alla fascia demaniale, tra questi anche portatori di handicap.

“Si rende colpevole del reato previsto dall’art. 1161 del codice della navigazione colui che, pur senza occupare direttamente una zona demaniale, ne impedisca l’uso pubblico mediante l’esecuzione sulla propria proprietà di opere, quali sbarramenti, recinzioni, cancelli e simili, che di fatto ostacolino l’esercizio della facoltà di raggiungere la zona demaniale e di usufruirne secondo la destinazione che le è propria, sottraendola così alla generalità degli aventi diritto e riservandola a soggetti determinati”.

Così la deputata M5S Valentina Palmeri che ha appena presentato un’ interrogazione rivolta al governo regionale in merito all’accesso a pagamento dell’ex Tonnara di Scopello. “Un’unica stradella, “sbarrata” dai privati, costituisce il passaggio, e per raggiungere l’area demaniale in questione è obbligatorio il pagamento di un biglietto di ingresso, pari a 3,50 euro”.

“Ricordiamo – afferma la deputata Cinquestelle – che il demanio marittimo e il mare devono essere liberamente accessibili e fruibili da tutta la collettività, invece all’ingresso della stradella che conduce all’ex Tonnara vi sono numerosi cartelli di divieto, fra cui principalmente quelli che indicano quella zona e quel viottolo di accesso al mare come proprietà privata. Di contro, non è presente alcun cartello che indichi gli estremi di una concessione demaniale per l’esercizio dell’attività imprenditoriale di lido turistico-balneare, nonostante numerosi bagnanti affollino i luoghi in questione”.

La parlamentare chiede quindi l’intervento della Regione: “Venga rispettata la normativa vigente in materia di accesso al demanio pubblico”. Chiede, inoltre, vengano individuati e sanzionati i soggetti pubblici che hanno consentito la chiusura dell’accesso all’area demaniale presente all’interno dell’ex Tonnara di Scopello.

In questi giorni sono stati presentati anche diversi esposti-querela e altri ne saranno presentati nei prossimi giorni, da parte di cittadini ai quali è stato negato l’accesso libero alla fascia demaniale, tra questi anche portatori di handicap, per i quali, comunque, non è stato predisposto alcun servizio dedicato.


Leave A Reply