Pensione, indennità di disoccupazione e stipendio. Per 270 lavoratori forestali la cuccagna era infinita. M5S annuncia esposto alla magistratura

Contributo disoccupazione, pensione ed emolumenti per le giornate di lavoro effettuate. Un nuovo scandalo che coinvolge il disastrato mondo dell’occupazione precaria è venuto fuori oggi nel corso dei lavori della commissione Bilancio dell’Ars. 270 lavoratori stagionali forestali e del comparto agricolo hanno goduto (difficile capire per quanto tempo) contemporaneamente dell’indennità di disoccupazione, della pensione e anche della retribuzione per le giornate lavorative effettuate.

L’assurdo episodio è saltato fuori quando il deputato del M5S Giorgio Ciaccio ha chiesto spiegazioni all’assessore Baccei di un emendamento governativo che prevedeva che chi avesse conseguito i requisiti per l’accesso al trattamenti pensionistici, fuoriuscisse dal bacino delle garanzie occupazionali.

“Un emendamento assurdo – afferma Giorgio Ciaccio – in quanto scontatissimo. E’ ovvio che chi gode di indennità di disoccupazione o pensione non può al contempo lavorare. E’ scandaloso, soprattutto – continua Ciaccio – che anziché scrivere un emendamento Baccei non abbia provveduto a segnalare tutto alla Procura della Repubblica”.

Alla Procura si rivolgerà invece il Movimento Cinque Stelle per denunciare il gravissimo episodio, allegando la registrazione della rivelazione di Baccei, immortalata dalla diretta streaming,  realizzata, grazie al Movimento 5 Stelle.

“Quello che ci stupisce – dice Giorgio Ciaccio – è la quasi totale assenza di controlli, che hanno permesso che un episodio del genere accadesse. Non comprendiamo, tra l’altro, come questi lavoratori possano avere avuto erogato dallo stesso soggetto, cioè l’Inps, trattamenti incompatibili tra loro”


2 commenti

  1. Secondo me, i270, sono una minima parte, ve ne sono in tutti i settori gestiti dalle province e dalla regione.

  2. Bisogna dire che indennità di disoccupazione agricola viene percepita da tutti i lavoratori agricoli sia forestali che non, in base alle giornate versate nell’anno precedente che siano 78 – 100 – 151 giornate non capisco dove sia lo scandalo in questo caso, per la pensione non saprei, penso che non superando un determinato reddito come un 78ista che non raggiunge nemmeno i 4000 euro in un turno abbia diritto della pensione d’invalidità se poi supera un determinato reddito non ha più diritto a lavorare questo penso che lo dice la legge non io,

Leave A Reply