L’assessore Bonafede ancora una volta assente in commissione. Zafarana, M5S: “La misura è colma, il Presidente la censuri”

“La misura è colma, il Governo non può continuare a snobbare così il Parlamento e di conseguenza il popolo siciliano. Proporremo ufficialmente la censura dell’assessore Bonafede”. Il provvedimento sarà chiesto ad Ardizzone.

I deputati M5S Valentina Zafarana, Gianina Ciancio e Stefano Zito sono durissimi nei confronti del governo e nella fattispecie dell’assessore al Lavoro Esterina Bonafede, che ha disertato ancora una vota l’appuntamento in commissione Lavoro all’Ars per discutere di sportelli multifunzionali.

Si tratta dell’ennesima volta che succede, e non solo con l’assessore Bonafede – sottolinea Zarafana – e ciò è inammissibile, specie per i gravissimi temi che c’erano sul tappeto e che non possono essere rimandati alle calende greche. E’ ora che comportamenti del genere vengano sanzionati, anche perché nessuno si è presentato in rappresentanza della Regione. Oltre alla Bonafede, infatti, mancava anche il dirigente generale Corsello. I tempi sono ormai maturi e i  lavoratori aspettano da noi portavoce all’Ars risposte concrete”.

La scarsa frequentazione dell’Ars è un’abitudine consolidata per i rappresentanti del Governo. Recentemente il presidente dell’Assemblea, Ardizzone ha strigliato gli assessori per le ripetute assenze in Aula, annunciando una legge statutaria alla quale sarà affidata la regolamentazione dei rapporti tra il parlamento e l’esecutivo.

Il Presidente – dice Zafarana – si riferiva a mancate risposte ad interrogazioni o mozioni in Aula, ma è ovvio che provvedimenti disciplinari vanno inevitabilmente presi anche per chi snobba il lavoro, fondamentale, delle commissioni”.


3 commenti

  1. oltre all’assessore che si rende oggetto UFO, la responsabilità ricade sopratutto a colui il quale presiede l’assemblea non assumendosi il carico di decisioni drrastiche,ma che comunque vanno prese!, Penso che , dopo le ripetute reiterazioni l’assessore dovrebbe essere esautorato dalla sua carica

  2. L’unico modo, secondo me, visto l’alto profilo, è quello di intaccare le tasche in maniera drastiche, vedrete come i rappresentanti del popolo saranno più presenti in aula. Un altro sistema sarebbe quello di far fare periodicamente lavori diversi, manuale, operatore ecologico, oss ecc. così si apprezzerebbe maggiormente quello che si ha e naturalmente con stipendio idoneo, di 1000 euri.

  3. Io Non Capisco perché L’Assessore Bonafede non si prende le proprie responsabilità del suo Incarico ed evade sempre sia le riunioni Con I Sindacati sia quelle Istituzionali forse ha paura di potere decidere qualcosa che potrebbe andare contro il Governo allora se non si sa assumere le proprie responsabilità e meglio che si dimetta e non Blocchi la Burocrazia che già alla regione è abbastanza Lenta specialmente in Estate …. Noi PIP aspettiamo da un mese il Famigerato Incontro con L’Assessore ed Oggi 1.8.2013 ci siamo ritrovati con un Direttore dott. Bullara del Dipartimento Asse.ss. della Famiglia che alla richiesta di alcune precisazioni richieste dai Sindacati ha Risposto” IO SONO UN TECNICO” perfetto allora a Settembre cose sarà il Dipartimento Della Famiglia? sta Passando un Anno è ancora questo Governo con i suoi Assessori e Tecnici non ci hanno dato Risposta per il Nostro percorso Lavorativo VERGOGNA la morte di quel lavoratore non è servita a nulla Perché LE ISTITUZIONI SONO SORDE E ASSENTI PER I LAVORATORI COMPRESO TUTTI I POLITICI DELL’ARS.

Leave A Reply