È questa la vita che sognavo da bambino?

Un recente brano di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, inizia con queste parole: “È questa la vita che sognavo da bambino?”. Già, è davvero questa la vita che sognavamo da piccoli?

Oggi mi ponevo questa domanda, quando facevo un confronto fra la mia generazione e quella dei miei coetanei che abitano in altri Stati europei, ragazzi come me che vivono vite più serene e agevoli. Guardando i loro profili nei social network, noto sempre l’assenza di temi politici e di protesta, questo non perché loro siano superficiali, ma perché, per quanto adesso l’Europa intera sia in crisi, nessuna Nazione ha i problemi che noi da ormai vent’anni viviamo in Italia.
La cosa buffa è che, oltre alla malavita, tra i nostri nemici vi è lo Stato Italiano e i suoi rappresentanti; quei politici e funzionari che dovrebbero renderci la vita semplice e che invece l’hanno resa un inferno. Non passa giorno in cui non ci ritroviamo ad affrontare una nuova sfida per contrastare le malefatte di una classe politica che ormai opera nella piena illegalità, in barba al pudore e alla decenza, facendo leva sulla pazienza ed educazione di un popolo stremato ma che ancora non ha perso l’autocontrollo… per fortuna. Ogni giorno ci svegliamo e leggiamo di nuovi soprusi e illegalità, e sappiamo che dobbiamo rimetterci l’elmetto e tornare a combattere contro questi delinquenti.
Mi chiedo quindi se questa sia una vita dignitosa, se il dover spendere le proprie giornate a lottare invece che a vivere beatamente sia una cosa normale. Chiedo troppo se pretendo che i miei coetanei possano frequentare delle scuole che non debbano essere occupate a causa di azioni scellerate del nostro governo? Chiedo troppo se credo sia giusto che un giovane trovi lavoro dopo gli studi? Un lavoro adatto alle sue inclinazioni, che lo renda soddisfatto e non lo obblighi ad emigrare? Non è forse folle che le aziende debbano lavorare solo per far fronte alla pressione fiscale? Ed ancora, vi sembra normale che i cittadini debbano controllare e contestare le azioni dello Stato, invece di vivere un’esistenza serena? Possiamo questa definirla vita?
I miei sono certamente discorsi già affrontati e di dominio pubblico. Ma posso dire che ho avuto la fortuna di vivere e lavorare all’estero, e so cosa significhi avere una qualità della vita dignitosa, e uno stipendio che ti permette di non avere pensieri ma di coltivare piaceri e interessi che rendono l’esistenza degna di essere chiamata tale.
So anche che ci sono Nazioni messe peggio dell’Italia, ma questo non vuol dire che non dobbiamo indignarci e pretendere quello che ci spetta come cittadini di un paese che dice di essere democratico. Ci sono tre diverse opzioni: subire, fuggire o lottare. Per quanto le prime due siano le più semplici, solo la terza porterà davvero un cambiamento. Quindi, se vogliamo cambiare le cose dobbiamo per forza metterci in gioco e lottare, per fare in modo che chi venga dopo di noi non debba subire il nostro stesso destino. Del resto, penso sempre che i problemi non si risolvano da soli, ma è necessario che una generazione si sacrifichi affinché tutto possa cambiare, un gruppo di cittadini che decide di rimboccarsi le maniche e che capisca che dobbiamo rinunciare a qualcosa adesso per evitare di perdere tutto in futuro. Non so se vedremo mai i risultati concreti, forse i nostri figli godranno di questi frutti, ma anche se non ci sono eserciti e morti, questa è una guerra e noi siamo al fronte, che ci piaccia o no.

Luciano Zaami


6 commenti

  1. CONDIVIDO IN PIENO. Per la paura che possano restaurarsi le medesime condizioni del passato ventennio, VI ESORTO, diamo un governo, anche tecnico, a questa povera Italia.

  2. Il problema è che molti, me compreso, ormai sono rassegnati. Mettiamoci poi una gran parte che non sa nulla e non segue le vicende di questi politici delinquenti, altri che sono intignati e che non sanno cosa fare, il quadro è devastante. Penso che pultroppo ci vorrà più di una generazione per sistemare le cose, sempre che l’evolversi della storia vada per il verso giusto!

    • Il problema è che molti, me compreso, ormai sono rassegnati. Mettiamoci poi una gran parte che non sa nulla e non segue le vicende di questi politici delinquenti, altri che sono indignati e che non sanno cosa fare, il quadro è devastante. Penso che pultroppo ci vorrà più di una generazione per sistemare le cose, sempre che l’evolversi della storia vada per il verso giusto!

  3. Non lascio spesso commenti in giro e, per scelta, non frequento Social Network, volevo però esprimere un sincero apprezzamento nella stesura del concetto espresso da Luciano che mi vede completamente d’accordo. Peggio della morte c’è solo una mancata e vera esistenza. Cordiali saluti.

  4. Ascolto la TV ed apprendo:
    Ruby, con un linguaggio formalmente perfetto e corretto salva Berlusconi, scaricando ai giudici e ai giornalisti le responsabilità del caso, (resto perplesso per un linguaggio così perfetto, direi quasi “legale”, tutt’altro che spontaneo);
    Renzi comincia a pensare al “Porcellum”, riceve le approvazione del PdL e della Lega !!!
    Cittadini del Cinquestelle, non più Grillo, ma cittadini del Cinquestelle.
    La vostra responsabilità INDIVIDUALE non è più politica, MA E’ STORICA.
    Sarete proprio VOI INDIVIDUALMENTE che segnerete le sorti STORICHE DI QUESTA NAZIONE.
    (Vi ricordo le responsabilità storiche, negli anni venti, nell’avere sminuito l’omicidio Matteotti. RIFLETTETE !
    L’argomento non tocca soltanto la politica di oggi, ma anche la STORIA dei nostri giorni e del domani dei nostri figli).
    Diamo un governo, anche tecnico, ma assumiamoci le nostre responsabilità.

Leave A Reply